SEI IN > VIVERE SONDRIO > CRONACA
articolo

Sequestrati al valico di Piattamala una tartaruga di specie protetta

2' di lettura
20

I finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Sondrio unitamente ai funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Tirano, nel corso di un controllo presso il valico di Piattamala, al confine con la Svizzera, hanno rinvenuto all’interno di un veicolo proveniente dalla confederazione elvetica due tartarughe, una delle quali, a seguito di approfonditi accertamenti, è risultata appartenere alla specie “testudo hermanni”, protetta dalla convenzione di Washington meglio nota come convenzione Cites.

Poiché il soggetto importatore era sprovvisto della documentazione prevista per l’introduzione nel territorio dello stato dello specimen protetto, si è provveduto al sequestro dell’animale e la denuncia del responsabile alla procura della repubblica presso il tribunale di Sondrio. nell’immediatezza dei fatti, la tartaruga e’ stata affidata in giudiziale custodia alla parte con l’impegno di preservarla fino alla definizione del contesto.

La convenzione Cites riconosce al corpo della Guardia di Finanza particolari poteri in ambito doganale finalizzati a contrastare il commercio internazionale illegale della flora e della fauna selvatica attribuendogli funzioni di fondamentale presidio a tutela delle specie in via di estinzione e di concorso alla salvaguardia della biodiversità.

I controlli in tale comparto, affidati in via prevalente ai reparti della gdf ope-ranti in ambiti portuali e aeroportuali ove è ubicato un ufficio delle dogane abilitato alle operazioni doganali Cites, sono propedeutici al rilascio dei visti necessari per la movimentazione internazionale di animali e piante sotto-posti alla peculiare legislazione e si sostanziano in una verifica documenta-le finalizzata ad appurare la regolarità dei documenti che consentono l’introduzione, l’esportazione, la riesportazione ed il transito di esemplari (c.d. specimen) sottoposti alla normativa Cites ed un accertamento mer-ceologico per riscontrare l’esatta corrispondenza tra gli animali/vegetali presentati in dogana e quelli indicati nei relativi documenti di accompa-gnamento.

La rilevanza del servizio va inquadrata nell’ambito del più ampio contrasto al commercio illegale di specie protette che a livello mondiale viene stimato ad un valore tra i 7 e i 23 miliardi di euro l’anno.



Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2023 alle 10:59 sul giornale del 10 agosto 2023 - 20 letture






qrcode