Eseguita ordinanza di obbligo di dimora nei confronti di un avvocato e sequestro di beni per oltre 375 mila euro

2' di lettura 15/03/2023 - I finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Sondrio, nell’ambito di indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di obbligo di dimora disposta dal Giudice per le indagini preliminari nei confronti di un avvocato del Foro di Como, nonché ad un decreto di sequestro preventivo e per equivalente nei confronti dello stesso professionista, indagato per truffa e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, unitamente ad una sua stretta collaboratrice, indagata anch’essa per truffa.

L’attività di polizia giudiziaria trae origine da un risarcimento assicurativo per un incidente stradale mortale a seguito del quale il legale designato dai familiari della vittima avrebbe incassato dalla società assicurativa il compenso previsto per le spese legali, nascondendo l’avvenuto pagamento e richiesto un ulteriore compenso di oltre 300 mila euro. Questa condotta veniva replicata con le medesime modalità nei confronti di altri familiari del deceduto, anch’essi beneficiari del risarcimento, che hanno denunciato il professionista.

Le indagini condotte dai militari della Compagnia di Tirano della Guardia di Finanza hanno permesso di appurare che i compensi illecitamente richiesti erano confluiti su un conto corrente nella sua disponibilità del professionista ma intestato ad una sua collaboratrice; nonché di accertare l’esistenza di un pregresso ingente debito dell’avvocato nei confronti del fisco, mai onorato.

Oltre all’applicazione della misura cautelare dell’obbligo di dimora, l’Autorità Giudiziaria, sulla base degli accertamenti patrimoniali eseguiti dalle Fiamme Gialle, ha disposto il sequestro delle somme e dei beni intestati all’avvocato ed alla sua collaboratrice per un valore complessivo di oltre 375 mila euro.

L’azione di servizio, svolta sotto la direzione della Procura della Repubblica di Sondrio, testimonia l’impegno quotidianamente profuso dal Corpo quale presidio della sicurezza economico-finanziaria per la repressione di indebite condotte di appropriazione di denaro e della conseguente aggressione dei patrimoni illecitamente accumulati. La diffusione del presente comunicato stampa è autorizzata dalla Procura della Repubblica di Sondrio, in ottemperanza alle disposizioni del decreto legislativo n. 188/2021.






Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2023 alle 10:38 sul giornale del 16 marzo 2023 - 12 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dXza





logoEV
qrcode