Italia-Svizzera: avviare confronto su bacino idrografico e viabilità, collaborazione utile anche in chiave Olimpiadi 2026

1' di lettura 25/01/2023 - Incontro istituzionale, a Bellinzona, nell’ambito del ‘Dialogo italo-svizzero sulla cooperazione transfrontaliera’ coordinato dal nostro Ministero degli Esteri e dal Dipartimento Federale degli affari esteri della Confederazione.

L’assessore di Regione Lombardia ai Rapporti con la Confederazione elvetica, partecipando all’appuntamento bilaterale, ha colto l’occasione per portare all’attenzione alcune specifiche necessità dei territori lombardi in relazione al prossimo evento olimpico Milano-Cortina 2026 che vedrà in prima linea i territori dell’Alta Valtellina.

“È necessario avviare una discussione con la Svizzera – ha detto l’assessore lombardo – per quanto riguarda l’utilizzo delle acque del bacino idrografico del torrente Spoel rispetto a quanto disciplinato nel 1957 dalla Convenzione italo-elvetica che ha dato origine alla costruzione della diga idroelettrica di Livigno alla luce dell’attuale scenario socio-economico, profondamente mutato negli ultimi 60 anni”.

Anche la viabilità tra Livigno e la Bassa Engadina/Val Mustair, il cui unico collegamento avviene attualmente mediante il tunnel di ‘Munt la Schera’ o ‘La Drossa’ di gestione privata dovrà essere oggetto di confronto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-01-2023 alle 16:34 sul giornale del 26 gennaio 2023 - 54 letture

In questo articolo si parla di attualità, lombardia, regione lombardia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dO6d





qrcode