Livigno: misura cautelare personale dell'interdizione dai pubblici uffici per il Comandante della Polizia Locale

1' di lettura 19/07/2022 - Martedì mattina, nell’ambito di un’indagine avviata dalla Squadra Mobile di Sondrio in collaborazione con la Guardia di Finanza Nucleo PEF di Sondrio, coordinata dalla DDA di Milano, condotta dai P.M. Francesco De Tommasi e Marialina Contaldo, sotto il coordinamento del Procuratore Aggiunto coordinatore della DDA di Milano Alessandra Dolci, è stata eseguita una misura cautelare personale dell’interdizione dai pubblici uffici della durata di nove mesi nei confronti del Comandante della Polizia Locale di Livigno (SO).

Nel contesto, sono state inoltre eseguite perquisizioni locali/personali nei confronti di quest’ultimo, dell’attuale e precedente Sindaco di Livigno, nonché di un assessore Comunale.

Il procedimento è relativo, tra l’altro, a reati di traffico illecito di rifiuti (art. 452 quaterdecies C.P.) e falsità ideologica commessa dal Pubblico Ufficiale in atti pubblici (artt. 479, 476 C.P.).

Si tratta di attività di indagine delegata afferente a presunte condotte, perpetrate da diversi soggetti economici con sede a Livigno che avrebbe organizzato e gestito un sistema finalizzato alla illecita gestione e smaltimento dei rifiuti derivanti dallo svolgimento delle attività d’impresa dagli stessi esercitate, con il concorso delle Autorità Locali istituzionalmente preposte alla regolazione ed al controllo delle attività di interesse pubblico in questione. Le condotte criminose ipotizzate sarebbero state finalizzate ad ottenere illeciti risparmi sui costi derivanti dallo smaltimento dei rifiuti in conformità alle norme di legge.






Questo è un articolo pubblicato il 19-07-2022 alle 11:57 sul giornale del 20 luglio 2022 - 120 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dgyr





logoEV
logoEV